Il custode della miniera

Gualtiero Bertelli, cantautore veneziano, è stato tra i protagonisti di quella feconda stagione che tra gli anni Sessanta e Settanta del Novecento ha fatto conoscere la nuova canzone sociale italiana. Insieme a Fausto Amodei, Ivan Della Mea, Paolo Pietrangeli, Giovanna Marini e tanti altri è stato la colonna sonora delle lotte e delle istanze che genericamente vanno sotto il nome di “ movimento del Sessantotto”.

L’attenzione per il sociale non è mai venuta meno nei testi delle canzoni di Bertelli e oggi continua questo percorso accostandosi con attenzione e rispetto ad una delle più importanti figure della comunicazione popolare del passato: i cantastorie.

Continua a leggere